Distretto Rurale Sud Sardegna. Il Mercato Agroalimentare traina l’ampliamento a tutte le realtà sul territorio

Raccogliere idee e suggerimenti per redigere un piano programmatico di distretto ampiamente condiviso e partecipato con tutti i soggetti interessati a costituire il Distretto Rurale Sud Sardegna nell’area storico geografica del Campidano meridionale.

Con questo intento il comitato promotore (formato da 8 comuni : Assemini, Capoterra, Decimomannu, Decimoputzu, Pula, Sestu, Villaspeciosa e Uta che si è aggiunto di recente, dalla Città Metropolitana di Cagliari e dal capofila Mercato Agroalimentare della Sardegna), intende rafforzare la rete territoriale produttiva allargando la platea alle imprese agricole, agli enti e alle istituzioni pubbliche del territorio, alle associazioni professionali di categoria e del terzo settore, a tutti gli attori della filiera del cibo e ai cittadini. Con uno spirito di leale collaborazione si vuole restituire dignità al mondo delle campagne, fortemente parcellizzato e duramente provato dal difficile periodo recessivo.

Giovedì 15 aprile alle 16.30 su Zoom Pro si terrà il primo dei sei webinar pubblici volti a definire, con metodi partecipativi, la strategia del piano programmatico di distretto. In particolare, verrà condiviso con tutti i portatori di interesse un piano di animazione territoriale elaborato dalla società Poliste S.r.l in collaborazione con il comitato promotore. L’agenzia regionale Laore fornirà un supporto tecnico per tutto il percorso di costituzione del Distretto Rurale Sud Sardegna anche nelle successive fasi di stesura dell’accordo di Distretto, del Regolamento che disciplina il suo funzionamento e i ruoli dei diversi organi.

Per iscriversi e partecipare al webinar: contattare la segreteria del Distretto:3452196197

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
YouTube
LinkedIn
LinkedIn
Share