Italmercati al Simposio FAO sulla sostenibilità dei sistemi alimentari per una dieta sana

Guidonia, 3 dicembre 2016. Il 1 e il 2 dicembre, alla FAO di Roma, si è tenuto un “Simposio Internazionale sulla Sostenibilità dei Sistemi Alimentari, la Dieta Sana e il miglioramento della Nutrizione” che ha esplorato le politiche e le opzioni di programma per modellare i sistemi alimentari in modo da offrire cibi per una sana e corretta alimentazione, concentrandosi sulle esperienze degli altri paesi.

Il simposio ha avuto un approccio sistemico e si è concentrato su tre principali sotto-temi:

  • Le politiche dal lato dell’offerta e le misure per aumentare l’accesso alle diete sane
  • Le misure per migliorare l’accesso e consentire ai consumatori di scegliere una dieta sana.
  • Le misure volte a rafforzare la responsabilità, capacità di recupero, e l’equità all’interno del sistema alimentare.

In questo contesto, il Presidente di Italmercati Fabio Massimo Pallottini, è stato invitato a partecipare per mostrare cosa fanno e come possono contribuire i mercati all’ingrosso e al dettaglio per garantire cibo sano e sostenibile. “Ad oggi – ha dichiarato Pallottini – i mercati all’ingrosso e al dettaglio rappresentano una risposta credibile a molti problemi attuali in materia di produzione e di consumo di cibo. Ma non solo, la maggior parte dei mercati europei contribuiscono promuovendo attivamente una sana alimentazione ed il consumo di prodotti freschi, ospitando gite scolastiche e sponsorizzando promozioni nei mercati al dettaglio per sosteneroe attivamente i programmi e le iniziative che promuovo prodotti e cibo sano. Ovviamente gli argomenti che sono stati trattati – conclude Massimo Pallottini – hanno riguardato a tutto tondo il ruolo dei mercati all’ingrosso e dei mercati al dettaglio, argomenti che in parte verranno poi ripresi durante la prossima Conferenza WUWM che si terrà a maggio, dal 17 al 19 a Roma, ospitata dal Centro Agroalimentare Roma. Questa conferenza infatti, comprende una sessione sulla nutrizione che in qualche modo proseguirà proprio le argomentazioni e le conclusioni derivanti dal presente FAO-OMS Symposium”.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email
YouTube
LinkedIn
LinkedIn
Share