Veronamercato, investimenti milionari

Dopo l’intervento di copertura con tettoie di sette rampe di accesso al Mercato Ortofrutticolo, realizzato nel 2018 per fornire riparo a fruttivendoli e ambulanti, con un investimento di circa 1,6 milioni di euro, Veronamercato da seguito al programma degli interventi con lo stanziamento di 2 milioni di euro per il 2019. Saranno realizzate opere di chiusura delle tettoie nord e sud dell’edificio ortofrutta per consentire agli acquirenti di maggiori dimensioni (grossisti, Grande Distribuzione ed esportatori) dì operare al riparo dagli agenti atmosferici. Il progetto ipotizzato prevede la realizzazione di setti perimetrali disposti lungo il bordo esterno di entrambe le testate di carico.

E’ prevista inoltre la fornitura e posa di 86 portoni sezionali a servizio delle banchine di carico esistenti. L’intera struttura è progettata per permettere futuri ampliamenti compresa la trasformazione dell’intera area in zona a temperatura controllata. Veronamercato è sempre attenta all’ambiente. Nelle aree a parcheggio del Centro, infatti, sono in fase di realizzazione 36 vasche di trattamento delle acque meteoriche in ottemperanza alle disposizione della DGR della Regione Veneto nn. 842/2012 e 1534/2015. Sono state inoltre sostituite tutte le vecchie lampade di illuminazione dei piazzali con proiettori a led di nuova generazione che consentiranno significativi risparmi energetici nell’ordine del 60% rispetto ai consumi attuali.

“Le tettoie ed il miglioramento dell’illuminamento delle aree operative rappresentano l’attenzione di Veronamercato per i suoi operatori – sottolinea ¡I presidente Andrea Sardelli – II Centro Agrolimentare di Verona è sempre più un punto di riferimento nazionale ed internazionale, non solo per la qualità dei suoi prodotti ma anche proprio per i servizi, per la logistica e per la sicurezza, compresa anche quella relativamente alla gestione dell’ambiente. Inoltre in un mondo sempre più globalizzato fondamentale è anche la capacità, che Veronamercato ha dimostrato, di saper fare sistema, con collaborazioni strategiche con gli altri mercati italiani. A tale proposito richiama l’importanza del progetto “Frutta che frutta non spreca” della rete Italmercati, di cui Veronamercato fa parte, finalizzato al recupero delle eccedenze ortofrutticole attraverso la realizzazione di un laboratorio di trasformazione e confezionamento, gestito da una organizzazione no profit (isola solidale) con la supervisione e il coordinamento di Last Minute Market Impresa Sociale. La sperimentazione pilota è stata sviluppata presso il Centro Agroalimentare di Roma con l’obiettivo di estendere il modello agli altri Mercati”.

Del resto i numeri confermano la solidità del Centro Agrolimentare scaligero: 450 milioni di euro di fattu rato realizzato complessiva mente dalle aziende concessionarie, mentre quello ñ Veronamercato SpA si attest sui 6,7 milioni di euro con ui risultato positivo atteso ñ circa 200 mila euro. I prodot movimentati raggiungono li 430mila tonnellate, di cui 50% destinato all’esportazic ne mentre sono 60 le ditti concessionarie che operano all’interno del Mercato “Numeri importanti – conferma il direttore generale Paoli Merci.

Fonte: CRONACA DELL ECONOMIA