Un nuovo mercato per il Maap Da oggi in vendita anche fiori

Un nuovo mercato per il Maap Da oggi in vendita anche fiori La Dal Bello organizza una spazio di mille metri quadri dedicato anche alle piante «Puntiamo all’abbinata con l’ortofrutta, anche per la grande distribuzione» Claudio Malfitano PADOVA. Bisognerà forse aggiungere una “F” alla sigla Maap. Perché oltre ad essere il mercato agro-alimentare di Padova, da oggi sarà anche floreale. Apre infatti uno spazio di mille metri quadri dedicato alla vendita di piante e fiori recisi, organizzato dalla ditta Dal Bello, da quattro generazioni esportatori di frutta e verdura che adesso prendono la strada della “diversificazione” : «E un servizio che a Padova non c’è e che offriamo anche al mercato della grande distribuzione», spiega il titolare Davide Dal Bello.

IL NUOVO SPAZIO L’inaugurazione è in programma stamattina: una parte dei posteggi solitamente utilizzati per la frutta e la verdura sarà invece dedicata a piante e fiori recisi provenienti da ogni parte del mondo (Olanda in primis), aprendo a una novità per il mercato padovano. Il target di vendita studiato per l’iniziativa è un’integrazione del servizio del Maap, offrendo un prodotto aggiuntivo a chi va a comprare ortofrutta. Una proposta nuova in particolare per la grande distribuzione, che nella struttura di corso Stati Uniti è ben presente con tutte le principali catene del settore.

FIOM DAL MONDO «Ci siamo accorti che era un servizio che a Padova mancava, soprattutto all’interno del mercato all’ingrosso – spiega Dal Bello nel raccontare la sua idea – Partiamo con 150-200 referenze tra piante e fiori, con una gamma completa da tutto il mondo. È un mercato molto interessante, abbiamo già fatto un sondaggio all’interno dei nostri buyers.

Che ora potranno vedere la mercé direttamente al mercato». Fino ad oggi infatti quello dei fiori è stato un business un po’ snobbato dalla grande distribuzione, anche per la difficoltà di gestione e la facile deperibilità del prodotto. Adesso invece, l’occasione di acquistare le forniture assieme a quelle ortofrutticole potrebbe far aumentare la presenza di piante tra gli scaffali dei supermercati.

LE ESPORTAZIONI A livello internazionale, in realtà, il mercato (soprattutto quello dei “fiori recisi”) si concentra su pochi paesi esportatori: VOlanda prima di tutti, che produce il 63% dei fiori sul mercato mondiale, poi c’è la Colombia con il 9% e quindi Israele con il 7%. Non è escluso però che dal Maap i fiori possano anche essere venduti all’estero, visto che molte delle aziende che operano nel mercato padovano sono specializzate in esportazione. Anche la Dal Bello: «Siamo attivi dal 1914. L’azienda fu fondata da mio nonno e adesso siamo alla quarta generazione di gestione in famiglia – prosegue Dal Bello Nasciamo come esportatori di frutta e verdura, soprattutto in Russia e paesi dell’Est Europa. Ora abbiamo deciso di ampliare il nostro campo di azione».

Fonte: Mattino Padova