Milano. Riqualificazione del Mercato Coperto di Via Rombon: primo atto del progetto Foody-Mercato di Quartiere

Il Comune di Milano e Sogemi, Ente Gestore di Foody Mercato Agroalimentare Milano, hanno firmato la concessione per la gestione della struttura del Mercato Coperto di Via Rombon a Milano.

Il progetto prevede la riqualificazione immobiliare e l’apertura di una nuova area commerciale; questo progetto rappresenta per Sogemi il primo passo verso lo sviluppo di un nuovo modello B2C, replicabile in altre realtà dell’area metropolitana i cui assi strategici poggiano sulla valorizzazione di una offerta di prodotto prevalentemente focalizzata sui freschi e freschissimi.

L’area commerciale sarà prevalentemente a vocazione di vendita di prodotti agroalimentari freschi, oltre a somministrazione e spazi dedicati alla vita del quartiere. Il legame tra Foody Mercato di Quartiere e Foody – Mercato Agroalimentare Milano rappresenterà un elemento operativo chiave del progetto e permetterà di implementare ogni sinergia possibile sia dal punto di vista dell’approvvigionamento dei prodotti che della logistica. Grande attenzione anche verso la sostenibilità attraverso la messa in atto di modelli di economia circolare che vanno a ridurre gli sprechi e modalità di consegna delle merci green.

Sogemi ha previsto un investimento complessivo di 1.6 milioni di euro per la riqualificazione integrale della struttura e dei suoi impianti. L’intervento riguarderà una superficie complessiva di 7200 mq che include il mercato e tutta l’area circostante. L’inizio dei lavori è previsto ad aprile 2022. L’apertura del nuovo mercato di Via Rombon è prevista per aprile 2023. L’immobile rimarrà di proprietà del Comune di Milano in gestione a Sogemi per un periodo di 20 anni.

“Siamo molto contenti e orgogliosi per l’incarico ricevuto – afferma Roberto Lion, Direttore Generale di Sogemi -.  Foody, il noto simbolo di Expo2015, riconosciuto nel mondo come emblema di qualità, freschezza, biodiversità dei prodotti agroalimentari, ambasciatore di una cultura dell’alimentazione innovativa e sostenibile, attenta all’equilibrio del pianeta, oggi brand del Mercato Agroalimentare di Milano, sempre di più rappresenta questi valori, destinato a diventare un punto di riferimento della grande tradizione ed eccellenza del “Made in Italy” nel mondo. “

“ Questa iniziativa a Milano rappresenta un modello che può proporsi come apripista per esperienze ripetibili in tutta Italia – commenta Fabio Massimo Pallottini, presidente di Italmercati -.  La connessione tra Mercati all’Ingrosso e i mercati al dettaglio esiste già. Ora questa esperienza dimostra che i Mercati all’Ingrosso possono sostenere il rilancio del sistema dei mercati cittadini, mettendo a disposizione know how, esperienze e professionalità”.