Al WUWM di Belgrado prende forma la blockchain tecnologica di Italmercati.

“ Durante questi giorni di confronto con i principali Mercati mondiali – spiega Fabio Massimo Pallottini, presidente di Italmercati, alla fine della prima giornata di lavori – abbiamo messo a punto alcuni passaggi operativi per introdurre un sistema innovativo che permetta di registrare e condividere informazioni in modo sicuro e permanente tra tutti i mercati aderenti alla nostra Rete. Un’ulteriore salto di qualità organizzativo per Italmercati che ci porterà ad avere dati in tempo reale, da confrontare e mettere a disposizione”.
Il titolo di una sessione di Belgrado era esplicativo: rivoluzione digitale, realtà o finzione?
“ Mai come ora questa rivoluzione è reale per i Mercati italiani – conferma il presidente di Italmercati -. Al WUWM è apparso evidente che una Rete come la nostra, che si fonda sulle principali infrastrutture mercatali e logistiche del paese, con una interconnessione digitale efficace può diventare competitiva a livello mondiale”.
Anche perché i temi e le opportunità di sviluppo sono simili in tanti paesi.
“ Un esempio arriva dal rapporto che si vuole sviluppare tra i Mercati all’ingrosso e il mondo della piccola produzione agricola – conclude Fabio Massimo Pallottini che ha coordinato una sessione specifica sull’argomento -. Al tavolo di discussione avevamo rappresentanti provenienti da Stati Uniti, Spagna, Grecia, Serbia: tutti concordi che la filiera tra il mondo produttivo e quello commerciale ha bisogno di essere consolidata e sostenuta . Anche in questo ambito la tecnologia blockchain ci permetterà di controllare la filiera agroalimentare per garantire prodotti più sicuri alla clientela finale, premiando la produzione locale più efficiente e trasparente”.